• VISITE SITO: 1278K

Whistleblowing

Il D. Lgs n. 24 del 10/03/2023, attuativo della direttiva europea n. 1937/2019, ha introdotto il diritto alla segnalazione degli illeciti (c.d. whistleblowing) da parte del soggetto che fornisce l’informazione (c.d. whistleblower).
Tale provvedimento ha disciplinato i canali di segnalazione e le tutele riconosciute ai segnalanti sia del settore pubblico che privato.
Per coloro che intendono denunciare violazioni di disposizioni normative nazionali o dell’Unione europea che ledono l’interesse pubblico o l’integrità dell’azienda, di cui sono venuti a conoscenza in un contesto lavorativo (trattasi di denunce da parte di lavoratori subordinati, lavoratori autonomi, consulenti, azionisti, ecc.), la SENESI S.p.A. (in seguito Società) ha istituito un canale interno utilizzabile per segnalare le violazioni presunte, con la garanzia della riservatezza dell’identità della persona segnalante, la cui gestione è affidata ad un Responsabile esterno.

Il lavoratore, il collaboratore o il consulente che vuole segnalare condotte illecite di cui è venuto a conoscenza contatta il Responsabile del Whistleblowing della SENESI S.p.A. con le seguenti modalità:

  • Indirizzo PEO dedicato: whistleblowing@senesispa.it;
  • Raccomandata con l’indicazione – Riservata personale s.p.m. – al seguente indirizzo: Responsabile Whistleblowing c/o SENESI S.p.A., Via Romagna n.29, 62010 MORROVALLE (MC).

La segnalazione è sottratta all’accesso agli atti e l’identità del segnalante non può essere rivelata a persone diverse da quelle competenti a ricevere o a dare seguito alla segnalazione.

È vietata qualsiasi forma di ritorsione.

La segnalazione può essere fatta anche ad un canale esterno gestito dall’ANAC https://whistleblowing.anticorruzione.it/#/ ma solo nelle seguenti ipotesi:

  • Il soggetto segnalante opera in un contesto lavorativo nel quale la predisposizione del canale non è conforme ai requisiti normativi;
  • Il soggetto segnalante ha già effettuato una segnalazione a cui non è stato dato seguito;
  • Il soggetto segnalante ha fondato motivo di ritenere che una segnalazione interna possa determinare il rischio di ritorsione;
  • Il soggetto segnalante ha fondato motivo di ritenere che la violazione possa costituire un pericolo imminente o palese per il pubblico interesse.

Ogni trattamento dei dati personali sarà effettuato a norma del Regolamento (UE) nr. 2016/679, del decreto legislativo 30 giugno 2003, n.  196 e del decreto legislativo 18 maggio 2018 n. 51.

Le segnalazioni e   la   relativa documentazione saranno conservate, in formato cartaceo o informatizzato, per il tempo necessario al trattamento della segnalazione e comunque non oltre cinque anni a decorrere dalla data della comunicazione dell’esito finale della procedura di segnalazione, nel rispetto degli obblighi di riservatezza di cui all’articolo 12 del D.Lgs. 24/2023).

I dati personali che manifestamente non sono utili al trattamento di una specifica segnalazione non saranno raccolti o, se raccolti accidentalmente, saranno cancellati immediatamente.

Il titolare del trattamento è SENESI S.p.A.

Il responsabile del trattamento è il Responsabile del Whistleblowing designato dalla SENESI S.p.A.

Documenti di supporto: – Modulo per la segnalazione di condotte illecite Informativa whistleblowing