• VISITE SITO: 1259K

Guerra e ambiente

L’invasione dell’Ucraina apre una nuova crisi mondiale che, oltre ai milioni di persone che ne stanno già subendo le drammatiche conseguenze, si ripercuote negativamente sull’intera umanità poiché frena la transizione verso modelli di sviluppo ecologici, equi e sostenibili su scala globale.
“La guerra rallenta il difficile percorso verso il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda Onu 2030, mina la credibilità della politica e la stabilità delle istituzioni, innesca una spirale di sfiducia e di violenze, aumenta le disuguaglianze e le ingiustizie in tutto il mondo”. Lo affermano i presidenti dell’ASviS (Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile), Marcella Mallen e Pierluigi Stefanini, richiamando l’attenzione sull’insostenibilità di tutte le guerre e sulla necessità di costruire la pace puntando sul multilateralismo e il dialogo tra le nazioni e i popoli.

Fonte: ANSA
Data: 5/03/2022